Scatti in avanti – 7 di 16

La fotografia carina, che si mette sui social per un subitaneo godimento estetico, è un modo per dire al mondo: io mi identifico con questo sentimento, con questa logica, oppure con questa appartenenza ad un determinato gruppo. Non vi dà fastidio sapere che – quando mettete un like ad un prodotto commerciale – i vostri amici potrebbero vedere sulle loro bacheche la pubblicità dello stesso, preceduto dalla dicitura: “A Tizio e altre tot persone piace questo”, laddove Tizio siete voi? Un prodotto che parla a nome mio, che usa il mio nome senza un euro in cambio. Non sono più il destinatario della pubblicità, sono diventato la pubblicità.

14.JPG

Andare in visibilio.

Mi scrive l’artista e amica Vesna Bursich

(visitate il suo blog, è interessante):

“Quindi quale è il metodo migliore per “mettersi in mostra”? Secondo le logiche dei social pare che più fai per essere visto e meno vieni visto. Sbaglio?”

Stavo per intitolare questo post “Il problema della visibilità” ma mi sono reso conto che, forse, non si tratta di un problema. E’ un fenomeno, paragonabile ai fenomeni fisici che osserviamo in natura. E, proprio come i fenomeni fisici, dall’osservazione di quello che accade cerchiamo di trarre delle regole per capire, ed eventualmente riprodurre. Esistono poi fenomeni che comprendiamo solo in parte. Quello della visibilità rientra in questa categoria. Conosciamo molto di come funzionano le indicizzazioni in rete, ma non del tutto (e chi lo sa si tiene il segreto per sé, per poterlo vendere). Conosciamo molto di come funziona la percezione umana, ma non del tutto: ed è un bene, perché se qualcuno lo sapesse potrebbe controllare le nostre opinioni e noi, come automi. Conosciamo molte delle variabili che entrano in gioco, ma non tutte: c’è sempre un elemento casuale (o più di uno) che fa sì che la nostra comunicazione arrivi al destinatario o meno. Probabilmente solo chi è abbastanza sconsiderato da continuare a tentare afferra quella esigua percentuale che tutti gli altri danno per assolutamente improbabile.